Marketing online e offline: 5 casi di integrazione

integrazione online offline marketing

 

Nell’era del marketing online, dove la pubblicità è sempre più veicolata dai social media, non dobbiamo trascurare la tradizionale pubblicità offline; un trend che da alcuni anni integra la comunicazione online con quella offline allo scopo di rafforzare la brand awareness.

L’obiettivo è quello di sviluppare engagement attraverso un evento divertente che sia in grado di incuriosire e coinvolgere il pubblico, le cui reazioni vengono registrate per poi creare un video da far girare in rete attraverso i canali social.

Di seguito 5 campagne di successo di grandi aziende che hanno utilizzato questo tipo di attività promozionali.

 

McDonald’s Pick n Play

 

 

McDonald’s in Svezia ha realizzato un’affissione interattiva che consente di giocare usando il proprio smartphone come controllo remoto, accedendo ad un sito che usa le coordinate di geolocalizzazione. I vincitori potevano usufruire di un omaggio recandosi al McDonald’s più vicino, mostrando la schermata del proprio smartphone.

Un’ottimo esempio di integrazione tra online e offline che ha come obiettivo quello di far recare i partecipanti nella sede fisica della catena.

 

Libera lo 007 che è in te

 

 

Protagonisti sono Coca-Cola Zero e 007 Skyfall, con la campagna “Libera lo 007 che è in te”.

In occasione dell’uscita dell’ultimo 007, nella stazione principale di Antwerp in Belgio, un messaggio su un display installato su un distributore della CocaCola invitava i passanti a recarsi al binario 6 per riuscire a vincere un bliglietto per il film. La difficolta? Solo 70 secondi ed una divertente serie d’impedimenti.

Ancora una volta come nell’esempio precedente, veniva utilizzata la promessa di un premio per la partecipazione all’evento che, almeno dal video, sembra essere stato molto più divertente del film!

 

Diesel Photo Book

 

 

In Spagna Diesel ha realizzato un’installazione interattiva negli store di Barcellona, che permette di fotografarsi e condividere gli scatti su Facebook. I clienti dello store pubblicizzano il marchio sui loro profili personali allo scopo di ricevere feedback dai propri amici. Una strategia che integra alla perfezione comunicazione offline nello store e online sul social network.

 

Mini Gateway Stoccolma

 

 

Per promuovere il lancio della nuova Mini l’azienda ha creato l’ app “Miny Gateway Stoccolma,  scaricabile sul proprio smartphone e con la quale è possibile vincere l’auto giocando.

I partecipanti devono correre per la città per raggiungere la Mini prima che lo facciano gli altri concorrenti. Un ottimo esempio di brand promotion, che fa accrescere “l’affetto” nei confronti della marca e crea la community dei giocatori.

 

Case  study : 2010 Heineken Italia – Campagna virale

 

 

In occasione della gara di Champions League tra Milan e Real Madrid disputata il 21 ottobre 2010 in Spagna, Heineken Italia ha promosso un’iniziativa di marketing virale dove tifosi del Milan vengono costretti da fidanzate, professori e amici a recarsi ad un falso concerto. L’esperimento ha generato un buzz virale su blog, social network, tv, stampa, facendo guadagnare visibilità alla marca.

Concludendo, ecco i vantaggi di promuovere una campagna integrando offline e online marketing:

  • rafforzare la brand awareness;
  • stimolare la conversazione tramite il coinvolgimento di un vasto pubblico;
  • accrescere “l’affetto” nei confronti della marca.

 

banner-per-blog

 



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Per offrirti una esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Maggiori informazioni | Chiudi